Read Books Online

giovanni luciani books | Download ePub PDF

Grammatica pratica del francese dalla A alla Z

Grammatica pratica del francese dalla A alla Z Description:

No description available

Rating: 3.56 out of 5

Niente canzoni d'amore

Niente canzoni d'amore Description:

Ventuno racconti di vita di sesso di naufragi metropolitani in un America emarginata e disperata Da Figlio del demonio a Vita da barbone da Una nottataccia a Pazzo abbastanza Bukowski ritrae con la consueta umanissima e spietata lucidit il suo mondo fatto di bordelli tavole calde bar malfamati e mense per i poveri sullo sfondo di quell America plebea di cui stato impareggiabile cantore

Rating: 3.70 out of 5

Tempo di regali

Tempo di regali Description:

Munito solo di uno zaino da alpinista un vecchio cappotto militare scarponi chiodati l i Oxford Book of English Verse i e un passaporto nuovo di zecca che gli attribuisce la professione di studente anzich come avrebbe auspicato quella di vagabondo nel dicembre del Patrick Leigh Fermor abbandona Londra e una carriera scolastica sciagurata e ribalda Ha appena diciotto anni vaghe ambizioni letterarie ma un progetto nitido e grandioso attraversare l Europa a piedi come un palmiere o un cavaliere errante e raggiungere Costantinopoli la Bisanzio verde drago di Robert Byron ossessionata dal serpente e tormentata dal gong Quando vi arriva il gennaio ormai un altro non solo si lasciato per sempre alle spalle disastri e misfatti ma ha sviluppato una rara forma di nomadismo viaggiare simultaneamente nello spazio e nel tempo e l arte ancora pi rara di trasmetterlo agli altri Che contempli lo splendore barocco dello Schloss Bruchsal o le nodose mani dei contadini fra cipolle tagliate caraffe sbeccate e pane integrale che dorma in un fienile steso come un crociato sulla tomba o nel capanno da caccia del leggendario barone Pips Schey a K vecses che percorra il Reno su una colonna di chiatte che trasportano cemento o attraversi Vienna offrendosi come ritrattista a domicilio che sperimenti il i Katzenjammer i i postumi di una sbornia a Monaco o elabori la formula del lanzichenecco per spiegare l architettura delle citt tedesche prebarocche tutto ci appare il dettaglio di un fantasmagorico affresco tutto sembra ricomporsi in un gigantesco puzzle dove risorge come un emanazione di incredibile e accattivante splendore il passato dell Europa E insieme scopriremo qui il modello ancora fragrante di quel modo di viaggiare e di vivere che sar un giorno identificato con la fisionomia di un giovane amico di Leight Fermor Bruce Chatwin

Rating: 3.44 out of 5

In difesa del cibo

In difesa del cibo Description:

Nel i Dilemma dell onnivoro i Michael Pollan aveva smontato una portata dopo l altra il pranzo che ci apparecchiamo ogni giorno dimostrando che cosa in realt contenga a dispetto delle etichette In questo libro che amplia e conclude il precedente Pollan va oltre demolendo alla sua maniera brillante e sempre imprevedibile una credenza perniciosa e ormai diffusissima e cio che a renderci pi sani e pi belli non siano le cose che mangiamo ma le sostanze che le compongono Nel mondo immaginato dai nutrizionisti ricorda Pollan anzich perdere tempo a sbucciare e fare a spicchi le arance basterebbe assumere una quantit equivalente di vitamina C Nel nostro accade invece che gli stessi nutrizionisti mettano improvvisamente al bando le componenti della dieta che fino a poche settimane prima avevano considerato irrinunciabili e che per paradosso gli Stati Uniti cio il paese pi di qualsiasi altro ossessionato dal terrore di mangiare ci che fa male o di non mangiare ci che fa bene si siano dati il modello alimentare pi malsano e patogeno fin qui conosciuto Il rimedio i Sarebbe i semplice sostiene Pollan non mangiare nulla che la nostra nonna non avrebbe mangiato In altre parole cibo vero meglio se poco e meglio ancora se verde Sarebbe semplice cio se non sconvolgesse il credo dell industria pi potente e insostituibile al mondo quella agroalimentare Che come dimostrano le violente polemiche subito suscitate da questo libro non intende arrendersi senza combattere neppure all evidenza

Rating: 3.49 out of 5

Il sentiero segreto

Il sentiero segreto Description:

Zinnia Taylor detta Zinny una ragazzina di campagna che sta diventando donna ma non vuole ammetterlo tanto da vivere in un mondo privato in cui c posto soprattutto per i sogni Solo una sognatrice incallita del resto potrebbe imbarcarsi in un impresa come quella a cui Zinny ha deciso di dedicare l estate far rivivere un vecchio sentiero abbandonato ormai nascosto dalla terra e dalle erbacce che corre dalla fattoria dei suoi genitori fino fino a dove Zinny vuole deve scoprirlo e cos comincia un faticoso e solitario lavoro che riporter alla luca insieme all antico tracciato segreti misteri incanti tenerissimi fantasmi e perfino una promessa d amore br Il pi bel romanzo di una grande scrittrice tradotto in dieci paesi

Rating: 3.77 out of 5

Alla conquista di Lhasa

Alla conquista di Lhasa Description:

Messi uno vicino all altro i titoli di Peter Hopkirk hanno qualcosa di inquietante Il suo libro pi noto i Il Grande Gioco i raccontava come le regioni dell Asia centrale siano da due secoli la zona strategicamente pi calda del pianeta e lo faceva mentre gli occhi di tutti rimanevano voltati altrove Quando invece nel usc i Alla conquista di Lhasa i molti trovarono a dir poco entusiasmante la rievocazione della corsa tra la fine dell Ottocento e i primi decenni del Novecento per la conquista di quello che ancora era nell immaginazione popolare il Paradiso Perduto il Tibet In effetti le imprese di personaggi come Annie Royle Taylor che nel abbandon l East End per i sentieri himalayani arrivando con la sua carovana a un passo da Lhasa o Maurice Wilson fermato dalle autorit inglesi in India mentre stava per realizzare l ultima fase del suo piano cio schiantarsi con un biplano Gipsy Moth alle falde dell Everest per poi proseguire fino alla vetta e innalzarvi la bandiera britannica restano nella memoria Ma c di pi nel racconto di Hopkirk sembra aleggiare la credenza antichissima secondo la quale chi conquista il Tibet conquista semplicemente il mondo e si ha cos la strana sensazione che le ossessioni e le avventure di singoli cos come le mire di immani Stati la Cina di oggi ad esempio verso quei luoghi abbiano un origine potente e arcana

Rating: 3.61 out of 5

Shakespeare. Il teatro dell'invidia

Shakespeare. Il teatro dell'invidia Description:

Ren Girard ha sviluppato ormai da molti anni una teoria della societ e della violenza che ha mostrato una grande forza ermeneutica applicandosi via via e sempre con risultati illuminanti a materiali antropologici alla tragedia greca e infine ai testi evangelici Ed era quasi inevitabile che Girard mettesse il suo pensiero alla prova su Shakespeare poich nulla come Shakespeare d l impressione di una realt totale e proteiforme che sfugge beffardamente a ogni tentativo di definizione E cos senz altro ma vero anche come questo libro documenta in modo stringente che Shakespeare il pi ricco laboratorio dove osservare le categorie elaborate da Girard nel loro peculiare movimento quella spirale che a partire dal desiderio dell essere di un altro il desiderio mimetico innesca un conflitto la cui violenza domata solo sporadicamente mediante il sacrificio di una vittima designata il capro espiatorio Attraversando l intera opera di Shakespeare da una commedia giovanile poco frequentata dalla critica quale I due gentiluomini di Verona a opere capitali come Sogno di una notte di mezza estate Giulio Cesare e Troilo e Cressida fino agli esiti tardi e supremi del Racconto d inverno e della Tempesta Girard ha ritrovato in tutti i suoi ingannevoli meandri la drammaturgia del conflitto mimetico che ha al suo centro il peccato pi inconfessabile l invidia Il risultato doppiamente felice da un lato la teoria di Girard si riveste del sontuoso tessuto della parola shakespeariana dall altro il testo di Shakespeare crivellato da secoli di glosse critiche conferma la sua inesauribilit rivelando scorci strutture e prospettive sconvolgenti che la critica anteriore non aveva saputo percepire

Rating: 3.29 out of 5

Un uomo vero

Un uomo vero Description:

Ever since he published his classic essay Why They Aren t Writing the Great American Novel Anymore Tom Wolfe has made his fictional preferences loud and clear For New Journalism s poster boy minimalism is a wash not to mention a failure of nerve The real mission of the American writer is to produce fat novels of social observation the sort of thing Balzac would be dishing up if he had made it into the Viagra era Wolfe s manifesto would have had a hubristic ring if he hadn t actually delivered the goods in with i The Bonfire of the Vanities i Now more than a decade later he s back with a second novel Has the Man in White lived up to his own mission p On many counts the answer would have to be yes Like its predecessor i A Man in Full i is a big canvas work in which a multitude of characters seems to be ascending or rapidly descending the greasy pole of social life In an era like this one a character reminds us the twentieth century s i fin de si cle i position was everything and it was the hardest thing to get Wolfe has changed terrain on us to be sure Instead of New York the focus here is Atlanta Georgia where the struggle for turf and power is at least slightly patinated with Deep South gentility The plot revolves around Charlie Croker an egomaniacal good ol boy with a crumbling real estate empire on his hands But Wolfe is no less attentive to a pair of supporting players a downwardly mobile family man Conrad Hensley and Roger White II an African American attorney at a white shoe firm What ultimately causes these subplots to converge and threatens to ignite a racial firestorm in Atlanta is the alleged rape of a society deb by Georgia Tech football star Fareek The Cannon Fanon p p Of course a i detailed i plot summary would be about as long as your average minimalist novel Suffice it to say that i A Man in Full i is packed with the sort of splendid set pieces we ve come to expect from Wolfe A quail hunt on Charlie s acre plantation a stuffed shirt evening at the symphony a politically loaded press conference the author assembles these scenes with contagious delight The book is also very very funny The law firms like upper crust powerhouse Fogg Nackers Rendering amp Lean are straight out of Dickens and Wolfe brings even his minor characters like professional hick Opey McCorkle to vivid life p blockquote In true Opey McCorkle fashion he had turned up for dinner wearing a plaid shirt a plaid necktie red felt suspenders i and i a big old leather belt that went around his potbelly like something could hitch up a mule with but for now he had cut off his usual torrent of orotund rhetoric mixed with Baker Countyisms blockquote Readers in search of a kinder gentler Wolfe may well be disappointed Retaining the satirist s necessary superiority to his subject he tends to lose his edge precisely when he s trying to move us Still when it comes to maximalist portraiture of the American scene and to sheer sentence by sentence amusement looks to be the year of the Wolfe indeed i James Marcus i

Rating: 3.71 out of 5

Lezioni su Shakespeare

Lezioni su Shakespeare Description:

Fra l ottobre del e il maggio del con cadenza settimanale Auden tenne alla New School for Social Research di New York un ciclo di lezioni dedicate al teatro e ai i Sonetti i di Shakespeare Ma chi immagini austeri ed esclusivi seminari per dottorandi in letteratura inglese decisamente fuori strada Auden si rivolgeva a un pubblico variegato tumultuoso ed entusiasta di non meno di cinquecento persone tanto che era spesso costretto a gridare a squarciagola e pregava coloro che non riuscivano a sentirlo di non alzare la mano perch sono anche miope Armato solo dell edizione Kittredge delle opere di Shakespeare della vastit prodigiosa della sua cultura e del suo impareggiabile humour ma soprattutto della convinzione che la critica conversazione improvvisata Auden parlava a braccio incantando tutti Ma anche spiazzandoli con la sua temeraria spregiudicatezza di outsider anzich affrontare le i Allegre comari di Windsor i fece ascoltare il i Falstaff i sostenendo che la pi ce non aveva altri meriti se non quello di aver fornito spunto a Verdi E giunto alla i Bisbetica domata i avvert che non vi si sarebbe soffermato a lungo perch era un totale fallimento prendendo le mosse da quella stroncatura per un excursus sulla farsa che spazia dal i Grande dittatore i di Chaplin a irresistibili considerazioni sulla guerra fra i sessi Ma forse nella lezione dedicata ad i Antonio e Cleopatra i l opera prediletta che ci dato di cogliere le ragioni dell appassionata adesione del pubblico giacch anche nelle vesti di critico Auden resta essenzialmente un poeta capace di i parlare a tutti i con la stessa miracolosa leggerezza che attribuiva a Shakespeare

Rating: 3.32 out of 5

Jude l'oscuro

Jude l'oscuro Description:

Accolto all epoca della sua apparizione con grida di riprovazione e di scandalo i Jude l oscuro i doveva segnare per Thomas Hardy il definitivo abbandono dalla narrativa Ma al di l delle reazioni vittoriane e degli aspetti pi immediatamente polemici e risentiti del testo contro l istituzione del matrimonio contro le barriere che di fatto impedivano ai poveri l accesso alla cultura universitaria il lettore che oggi riprende in mano questo libro non pu non domandarsi se unica continuazione possibile alle br sue pagine inquietanti non sia appunto il silenzio Ormai quasi alle soglie di quel nuovo secolo che tanto lo spaventava e gi lontanissimo dalle strutture melodrammatiche del grande romanzo ottocentesco a cui pure liberamente attingeva Hardy offriva con i Jude l oscuro i le molte anomalie di una storia d amore senza amore di un insistente anelito religioso senza pi religione alcuna di un vano incrociarsi di immagini soggettive regolarmente sconfitte dalla greve fisicit del mondo cosiddetto reale

Rating: 3.42 out of 5