Read Books Online

mario marchetti books | Download ePub PDF

Critica della ragion criminale

Critica della ragion criminale Description:

K nigsberg Prussia Un manoscritto maledetto la Critica della ragion criminale scritto dal sommo filosofo della Ragione Immanuel Kant esplora il fascino del Male assoluto E delitti atroci si susseguono cos inspiegabili che tutti pensano al Diavolo Il giovane Stiffeniis antico allievo di Kant viene chiamato a indagare Lentamente Stiffeniis scopre una verit sconvolgente Mentre il vecchio filosofo sempre pi malato forse il destino stesso della nostra civilt affidato alle mani di Stiffeniis alla sua capacit di distinguere il bene dal male e alla sua compassione Una meravigliosa macchina narrativa ci trasporta direttamente nella fangosa Prussia che aspetta come un incubo l invasione di Napoleone tra soldati negromanti donne guaritrici spie dei francesi orrende prigioni mercati e palazzi Un thriller superbamente condotto che mette in gioco insieme l intelligenza e il piacere della lettura Una grande storia che unisce atmosfere da romanzo gotico alla pi inquietante delle domande che cosa ha a che fare la ricerca della verit con l ossessione del Male

Rating: 3.56 out of 5

Consigli a un giovane ribelle

Consigli a un giovane ribelle Description:

Polemico e critico intenso e ironico Hitchens intesse una meditazione arguta su cosa significhi pensare vivere opporsi br Nelle sue lettere immaginarie a uno studente esplora l intera gamma di posizioni contrarie dalla dissidenza all anticonformismo dal radicalismo alla ribellione introducendo le nuove generazioni alle figure che lo hanno ispirato br Senza tempo e nel tempo questo minimanifesto che eleva il dissenso a strumento del progresso e della democrazia raccoglie tutte le pulsioni di un autentico ribelle

Rating: 3.27 out of 5

La danza di Nataša: Storia della cultura russa (XVIII-XX secolo)

La danza di Nataša: Storia della cultura russa (XVIII-XX secolo) Description:

i La danza di Natasha i di Orlando Figes spazia dagli splendori della Pietroburgo settecentesca all epoca terribile della propaganda staliniana dall arte popolare ai magici rituali degli sciamani asiatici dalla poesia di Puskin alla musica di Musorgskij e ai film di Ejzenstejn riportando in vita una schiera infinita di artisti e aristocratici rivoluzionari ed esuli religiosi e libertini br Il libro di Figes trae il suo titolo dalla famosa scena di i Guerra e pace i ove la bella e giovane contessa Natasha ode casualmente una melodia popolare e riconoscendo d istinto il ritmo e i passi del ballo contadino comincia a danzare Declinando la ragione profonda del motivo poetico di Tolstoj secondo il quale i russi sarebbero in fondo al cuore sempre e comunque sostanzialmente russi Orlando Figes esplora gli impulsi spesso contraddittori e le forme di sensibilit diffusa che hanno dato vita a una delle dimensioni culturali pi ampie originali e complesse del mondo

Rating: 3.54 out of 5

Hitch 22: le mie memorie

Hitch 22: le mie memorie Description:

Questo libro l occasione per ripercorrere in una galoppata affascinante alcuni dei capitoli pi intensi e decisivi della storia contemporanea partendo dalle proteste degli anni Sessanta e Settanta passando per la caduta del muro di Berlino e il crollo delle ideologie per approdare agli scenari successivi all settembre quando Hitchens attacc i terroristi islamici br Nemico giurato di ogni fondamentalismo religioso Hitchens ha attraversato gli ultimi quarant anni di storia delle idee a passo di carica disseminando il suo percorso di critiche feroci a tutti gli ismi sopravvissuti all ra delle ideologie ma anche di saggi illuminanti sul rapporto tra potere e religione e sull importanza fondamentale della critica e del dissenso br In questo monumentale memoir che si affianca alle pi celebri e classiche autobiografie anglosassoni Hitchens si scopre non solo saggista ma anche narratore di razza Tra aneddoti e ritratti al vetriolo di celebri personalit del mondo politico e culturale da Henry Kissinger a Madre Teresa da Martin Amis a Noam Chomsky l autore riversa in questo libro una quantit di materiali idee storie personali e collettive che si incontra forse soltanto nei grandi romanzieri dell Ottocento

Rating: 3.63 out of 5

I giorni dell'espiazione (Hanno Stiffeniis, #2)

I giorni dell'espiazione  (Hanno Stiffeniis, #2) Description:

Lotingen Sullo sfondo di una gotica orrifica Prussia invasa dai francesi gelida e ostile tra cadaveri straziati di donne e di bambini campeggiano la vita familiare di Hanno la sua tenerezza per Helena la gelosia per le attenzioni del collega francese Lavedrine nei confronti della moglie e le molte preoccupazioni economiche Un microcosmo domestico sul quale governa sovrana la figura di Helena Stiffeniis con il suo coraggio la sua ostinazione la sua bellezza la sua profonda intelligenza delle cose Intorno a lei le superstizioni crudeli e l ignoranza di un popolo che nella caccia all ebreo vede risarcita la propria perdita della libert e dall altra quell Aaron Jacob che libera i bambini dalla tenia e immagina che i segni dell elezione del suo popolo siano incisi nella forma dei crani ebraici una condanna a un destino di vittime in terra e di salvati poi nell oltretomba

Rating: 3.80 out of 5

Il mio nome è nessuno: Global Novel

Il mio nome è nessuno: Global Novel Description:

In un fantomatico Paese del Centroamerica Teresa Almendros sta per sposare Juan Marino Salaberry figlio di un ex rivoluzionario ora dittatore Ma il matrimonio non si pu celebrare senza Hugo Almendros padre di Teresa un mito della guerriglia scomparso da quando la rivoluzione ha preso il potere vent anni prima Per trovarlo la ragazza intraprende un lungo e avventuroso viaggio tra mille pericoli amori improbabili efferate uccisioni e clamorose sorprese br br Quattordici scrittori da tutto il mondo e altrettanti universi Si incontrano ad Atene e buttano gi l idea di un romanzo globale sul filo di un avventura dove si intersecano temi attuali come il terrorismo e le rivoluzioni mancate o andate in porto e poi fallite in un epoca che forse non ha pi bisogno di eroi individuali br La sorte stabilisce a chi tra loro tocca l arduo compito dell avvio La sorte sceglie il cileno Antonio Sk rmeta e via via gli altri che lo seguiranno ciascuno per due volte Feride Cicekoglu Turchia Yasmina Khadra Algeria Michel Faber Gran Bretagna Lena Divani Grecia Ghiorgos Skourtis Grecia Al xandros Assonitis Grecia Pavel Kohout Repubblica Ceca Arthur Japin Olanda Niccol Ammaniti Italia Ingo Schulze Germania Aris Fioretos Svezia Etgar Keret Israele Juan Manuel de Prada

Rating: 3.66 out of 5

Heydrich e la soluzione finale: la decisione del genocidio

Heydrich e la soluzione finale: la decisione del genocidio Description:

Reinhard Heydrich forse meno noto al grande pubblico di altri gerarchi nazisti Ma fu lui il vero architetto del genocidio degli ebrei d Europa il progettista principale di una macchina per lo sterminio che continu a funzionare molto dopo la sua morte avvenuta nel douard Husson non ha scritto una semplice biografia di Heydrich ma ha utilizzato la parabola della sua fulminante carriera fino ai vertici delle SS per raccontare un regime intriso di odio razzista e costituito di uomini fanatici pronti a eseguire e ad anticipare le volont non sempre esplicite di un capo carismatico Una ricostruzione magistrale che affronta in modo innovativo uno dei grandi problemi della storiografia del Novecento come e quando fu presa la decisione e dato l ordine che mise in moto l Olocausto Per molto tempo gli storici hanno discusso sui tempi e i modi in cui fu deliberata e organizzata la soluzione finale Una scuola di pensiero evidenziava l antisemitismo violento di Hitler e dei suoi sostenitori fin dagli anni Venti e assegnava un intenzione genocida al nazismo fin dai suoi inizi Altri storici mettevano in risalto i cambiamenti della politica nazista nei confronti degli ebrei nel corso degli anni Trenta e poi durante la guerra sostenendo che alla decisione di mettere in pratica un piano di sterminio totale si arriv solo nel corso della conferenza di Wannsee tenutasi nel gennaio del Prefazione di Ian Kershaw

Rating: 3.49 out of 5

Il romanzo. Vol. IV: Temi, luoghi, eroi

Il romanzo. Vol. IV: Temi, luoghi, eroi Description:

Dopo il primo volume dedicato alla i Cultura del romanzo i e il terzo dedicato a i Storia e geografia i il quarto volume ritorna cos come il secondo i Le forme i all officina della narrazione Ancora quattro le sezioni la prima si interroga sulla lunga durata dei temi letterari attraverso gli autori e i secoli La seconda ne affronta i principali di petto descrivendoli e circoscrivendoli mentre le letture si rivolgono al tema del colonialismo e della politica La terza parte racconta poi il lungo cammino nel tempo di alcuni luoghi come la foresta di Piero Boitani che parte da Dante per arrivare a Conrad o le metropoli che ospitano grandi romanzi e che vengono da loro raccontate Infine nella quarta parte si parla dei personaggi centro di ogni narrazione motore o ostacolo personaggi collettivi e importantissimi come la famiglia o individuali come il cattivo o l arrampicatore sociale Le letture raccontano il sacrificio dell eroina che spesso la delizia del narratore e parlano dell altro del diverso di colui che porta ogni narrazione ai limiti della verosimiglianza e molto spesso la oltrepassa br Il quarto volume una prima conclusione del percorso attraverso cui ci ha condotto Franco Moretti ma nello stesso tempo annuncio del quinto e ultimo che sar caratterizzato dal confronto uno a uno fra grandi romanzi e grandi letture

Rating: 3.49 out of 5

Beirut: Storia di una città

Beirut: Storia di una città Description:

Da sempre Beirut tra i bagliori di una citt aperta al tempo stesso orientale e occidentalizzata cristiana e musulmana moderna ma profondamente radicata in una storia che ha visto passare Pompeo Saladino i Pasci Jazzar e Ibrahim e gli incubi di un luogo esposto di continuo alla guerra con i suoi abitanti di svariata provenienza i suoi scrittori e artisti i suoi contrasti ed eccessi continua ad alimentare l immaginario pi variegato br Restituendo alla citt i mille volti della sua storia Samir Kassir ci racconta le grandi contraddizioni della prima metropoli del mondo arabo Spesso idealizzata in passato per lo scenario felice e la natura lussureggiante nella seconda met del Novecento Beirut vive la sua et dell oro ponendosi al centro di interessi economici che superano i confini della piccola Repubblica Libanese Al proprio potere di attrazione la citt sottomette anzitutto i vicini arabi che vi affluiscono in massa Beirut con la sua dolce vita rappresenta l Occidente pi vicino Svizzera d Oriente e Piccola Parigi Ed allo stesso tempo luogo di ritrovo di esuli e intellettuali fucina di idee e crogiolo di lingue e di culture br Tutto questo subir una prima battuta d arresto nel con la guerra dei sei giorni per spegnersi del tutto nel quando il nome Beirut diventa sinonimo di guerra civile Quindici anni di bombe e sangue che squarciano i muri e gli animi e riempiono i giornali orfani della guerra del Vietnam Estroversa e cosmopolita nella prosperit la citt lo sar anche nella rovina diventando il teatro della prima guerra evento televisivo br Dalle ceneri del tragico conflitto Beirut tenter di rinascere e affronter con coraggio la ricostruzione senza tuttavia risolvere definitivamente le sue lacerazioni

Rating: 3.56 out of 5

Dio non è grande: Come la religione avvelena ogni cosa

Dio non è grande: Come la religione avvelena ogni cosa Description:

La fede religiosa inestirpabile appunto perch siamo creature ancora in evoluzione Non si estinguer mai o almeno non si estinguer finch non vinceremo la paura della morte del buio dell ignoranza e degli altri Questa la tesi da cui parte Dio non grande Muovendosi tra l analisi dei testi di fondazione delle grandi religioni Bibbia e Corano sopra tutti e la riflessione sull attualit politica e sullo scontro di civilt in atto Hitchens costruisce un implacabile atto di accusa contro le follie cui l uomo si abbandona nel nome di una fede oscurantismo superstizione intolleranza senso di colpa terrore verso la sessualit anti secolarismo Contro questi non valori e memore della grande tradizione laica anglosassone Hitchens reclama un ritorno alle idee dell illuminismo intessendo un elogio arguto e a tratti commovente della ragione umana Un grande saggio che senza mai rinunciare alle armi dell ironia e del paradosso costringe faziosamente il lettore a schierarsi Giramondo ipercolto polemico sempre divertentissimo Christopher Hitchens una voce senza eguali del giornalismo americano Voice Literary Supplement Hitchens ha un autentico talento nel fare chiarezza nello sciogliere i nodi pi complessi nel distinguere i vari aspetti di ogni argomento con grande sottigliezza di pensiero e scrittura Hanif Kureishi

Rating: 3.48 out of 5